Diario Aprile 2022

Marzo è passato in un batter d’occhio. Questo mese abbiamo avuto diversi tipi di tempo e ci siamo sottomettessi alle intemperie. Marzo è iniziato con giornate serene e soleggiate, seguite da qualche pioggia. Fin qui niente di speciale. Poi, a metà mese, siamo stati sopraffatti da “la Calima” (una parola spagnola che tradotta significa “la foschia”), un fenomeno apparentemente causato dalla polvere del Sahara che viene spinta in alto nell’atmosfera colorando il cielo di arancione dandogli un aspetto apocalittico. Tre giorni di cielo arancione brillante ci hanno lasciato un po’ disorientati e storditi. A questo fenomeno è seguita la pioggia che ha portato tutta la polvere sul terreno, e questo ha dato a tutti gli edifici un color marrone rossiccio lasciando uno strato di finissima polvere ovunque. Sui muri, sulle macchine, sulle piante, era ovunque, anche nelle case. Ne abbiamo pulito buona parte ma dopo qualche giorno è tornata la pioggia fangosa… La fine di marzo è stata caratterizzata da piogge normali. Tanta pioggia per diversi giorni. Un abitante di Níjar, che vive qui da oltre 20 anni ha detto di non aver mai visto un periodo così lungo di pioggia e cieli così nuvolosi. Il sole e la luna non si vedevano da nessuna parte. Non è una cosa comune per questa zona. Per fortuna gli ultimi giorni del mese è tornato il tempo “normale”. Un po’ di sole, qualche nuvola e una discreta quantità di vento.

È stato anche un mese di visite familiari. Leon, YoonHwa e Leila sono stati qui per una settimana, Rowin (figlio di Edwins) è stato qui durante i giorni di pioggia (mentre il sole splendeva nei Paesi Bassi), anche i genitori di Melvins hanno visitato Nijar per una settimana. Inoltre, siamo stati lieti di accogliere un nuovo ospite che ci ha trovato attraverso uno dei siti web. Attualmente Marcel è qui mentre questo fine settimana ci aspettiamo la visita di Iman e Roelof . Aprile è quasi al completo e per maggio e giugno le stanze si stanno già riempiendo rapidamente.

Il giardino dell’Asharum Níjar: Ritorno alle Radici

Con tutta quest’acqua che cade dal cielo, la terra è satura, il che a sua volta si traduce in campi verdi ovunque. Verde dalle erbacce, vale a dire che richiede molto lavoro per ripulire i sentieri, pulire gli orti e assicurarsi che i nuovi alberi e cespugli abbiano spazio per crescere e non siano invasi dalle erbacce. Fortunatamente con la terra inzuppata d’acqua, strappare le erbacce è un po’ più facile del normale. Tralasciando il fastidio, alcune erbacce danno bellissimi fiori che attirano api e altri insetti nel nostro giardino, il che rende gli uccelli abbastanza felici. Possiamo sentire il cinguettio di molti uccelli diversi durante il giorno, ci regalano piacevoli suoni di sottofondo mentre cerchiamo di vivere in sintonia. Il sovescio che abbiamo seminato sembra essere sopraffatto dalle erbacce locali, quindi è necessario uno sforzo maggiore per dar vita a questi semi. Tutti dobbiamo ancora abituarci alle stagioni del posto e dobbiamo ancora imparare molto sulle piante, sulla loro vita e sulla loro cura, la prendiamo come una sfida per trovare il modo ottimale di far prosperare la vita anche qui.

La serra necessitava di una maggiore ventilazione anche dopo aver installato le finestre scorrevoli, ora anche una parte del tetto può aprirsi, permettendoci così di controllare meglio la temperatura. Abbiamo iniziato a coltivare piantine dentro la serra e finora abbiamo avuto successo. Anguria, gombo, mais, spinaci, zucche, cavoli, cavoli coreani, barbabietole, diversi tipi di fagioli, rafano e manioca. tutti stanno germogliando e crescendo. I campi di patate stanno andando bene e abbiamo già raccolto molte fave. Attualmente stiamo preparando più campi per la produzione di colture alimentari.

Nuove costruzioni e miglioramenti

Il piccolo bacino d’acqua nella parte posteriore del giardino necessitava di una nuova valvola di sfiato in modo da poter attaccare un tubo all’uscita del bacino per innaffiare gli orti lì intorno. L’esperto locale è passato e ci ha consigliato di riparare le pareti interne per fare in modo che la valvola non fosse bloccata dai detriti. Abbiamo fatto qualche ricerca su come fare da soli questa ristrutturazione, alcuni vicini sono venuti a chiedere consiglio ma alla fine abbiamo affidato il compito ai nostri costruttori rumeni in modo tale da garantire un corretto funzionamento per i prossimi decenni. Questi muratori fanno sempre un ottimo lavoro, la piccola vasca ora è più alta, ha un nuovo pavimento rinforzato e belle pareti intonacate di bianco.

La stanzetta alla fine del blocco doccia è stata recentemente ristrutturata, sostituendo la porta della stanza per fare in modo che l’ultima doccia del blocco sia ora all’interno della stanza. Sì, ora abbiamo la nostra prima camera con doccia privata, che al momento è ancora prenotabile senza costi aggiuntivi. Quando avremo più stanze, potremo fare una differenziazione dei prezzi delle camere in base alle dimensioni e ai servizi. Parlando di più stanze, è in preparazione lo spazio retrostante l’attuale cucina (di fronte alla quale è realizzato il nuovo terrazzo) per l’ampliamento e la ristrutturazione della cucina, con un ulteriore ripostiglio e un locale lavanderia. Lì sono previste altre due stanze, che potranno avere anche la doccia privata, quindi, quando tutte le formalità relative ai permessi e alle finanze saranno risolte, questi lavori aumenteranno la capacità della nostra casa e avremo la possibilità di cucinare per gruppi più grandi. Pensiamo sarà funzionante definitivamente probabilmente prima dell’estate.

Share :

Twitter
Telegram
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rimani Aggiornato

Ti piace il nostro progetto?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il diario del mese sulla tua email

Non facciamo spam, non piace neanche a noi.

Rimani Aggiornato

Ti piace il nostro progetto?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il diario del mese sulla tua email

Non facciamo spam, non piace neanche a noi.