Diario Febbraio 2022

Di solito Gennaio è uno dei mesi più piovosi a Níjar, ma quest’anno le piogge sono state scarse. Le temperature sono un po’ più elevate rispetto alla media, tuttavia ci siamo goduti il calore della stufa a legna, installata nella nostra nuova stanza di meditazione, durante le meditazioni che avvengono due volte al giorno. Il mese è iniziato con il Ritiro di Silenzio Nâm, a cui hanno partecipato: due ospiti a Nijar, vari ad Amonines e anche alcuni partecipanti online da casa. Andrée e Maria si sono unite al ritiro, mentre Melvin si è occupato delle faccende quotidiane. Ovviamente c’è stato un aiuto silenzioso da parte dei residenti e la settimana di silenzio è stata un modo meraviglioso per contemplare la nostra vita e il nostro modo di vivere.

Edwin è tornato e non lo consideriamo più un ospite. Ha portato Danka con sé durante il suo viaggio a Níjar, quindi il Monastero e l’Asharum ora hanno tende più stilose e alcuni di noi hanno vestiti nuovi 😉 Wabke, che si è unita al ritiro, è rimasta per tutto il mese.
Andrée ha avuto un bell’incidente (letteralmente uno scivolone) e si è ritrovata con due polsi rotti e una commozione cerebrale, così Wabke si è offerta di restare per aiutarci a prenderci cura di tutto. Siamo molto grati per questo. Senza entrare nei dettagli, Andrée si sta riprendendo bene e tutti sono invitati a mandarle un messaggio direttamente o attraverso i nostri canali principali.
Reina aiuta con la cucina perché Andrée non può cucinare per alcune settimane. Abbiamo già gustato un buon piatto di pasta e cucinerà nuovamente la prossima settimana. A proposito di buon cibo, riceviamo regolarmente vere pietanze marocchine dai nostri adorabili vicini Mustafa e Rachida e dalla loro famiglia. Alcune deliziose domeniche abbiamo gustato dei dolci tutti insieme sulla nostra terrazza, e questa settimana ci hanno portato un piatto di couscous.

Il giardino dell’Asharum Níjar: Ritorno alle Radici

Le patate sono state raccolte e, sebbene non fossimo sicuri del nostro metodo di semina, il raccolto ha dimostrato che tre mesi fa non abbiamo commesso errori catastrofici. Gustiamo più volte alla settimana le nostre patate coltivate in casa e le accompagniamo con broccoli o cavolfiori e insalata dell’orto. I campi di patate novelle sono quasi conclusi e questa volta abbiamo seguito la guida di Human, che ha raccolto alcune informazioni su diversi sistemi e tecniche. Ora stiamo piantando le patate in un letto sommerso, riempito di compostaggio, paglia e terra. Speriamo di avere un terreno migliore dopo la raccolta, che richieda meno lavoro di preparazione.

Ad ogni semina e raccolto stiamo imparando come migliorare il tutto, ad esempio le tecniche di semina o dove piantare le varie cose. Il clima qui è piuttosto rigido e ovviamente alcune piante necessitano di cure più specifiche di altre. La maggior parte delle verdure crocifere si comporta abbastanza bene senza troppi sforzi. Mentre il mondo continua a girare in una direzione apparentemente disumana, la nostra attenzione per il giardino si sta spostando leggermente da un giardino ecologico che nutre l’anima e lo spirito, verso un giardino che nutre il nostro corpo e la nostra mente. In altre parole, maggiore attenzione alla produzione alimentare.

Le palme appena piantate stanno avendo difficoltà ad adattarsi in questa zona accidentata a 400 metri sul livello del mare, quindi abbiamo ridotto la quantità di acqua perché in questo stato non la sfruttano abbastanza. Speriamo che con un po’ di amore e cura si adattino e si sentano presto a casa. Sono state piantate alcune specie autoctone di alberi, tra cui uno Schinus molle, o come si dice in Spagna “una falsa pimienta” (trad. “falso pepe”). Questo albero produce i famosi grani di pepe rosa, che, come suggerisce il nome, non sono veri grani di pepe. Inoltre sono stati ordinati altri alberi per la stagione della semina di quest’anno, quindi speriamo di piantare un Ginko biloba, un albero di noci pecan e un castagno il mese prossimo. Stiamo anche cercando di piantare altri cespugli a copertura del terreno per rendere il giardino più verde e trattenere l’umidità.

Nuove costruzioni e miglioramenti

Il nuovo parcheggio e l’ingresso sono stati pavimentati in cemento con un’impronta di motivo piastrellato con un colore rossastro. Ora sembra che sia un vialetto piastrellato e il colore è simile al colore delle piastrelle che abbiamo usato sulle scale e nelle stanze. Dobbiamo aspettare ancora una settimana (tre in totale) prima di poter finalmente parcheggiare le nostre auto all’interno. Questo agevolerà il parcheggio delle auto del Monastero e dell’Asharum, che è l’unico parcheggio della zona.

Le nuove grandi scale alla fine del giardino sono una vera opera d’arte e il grande triangolo bianco si fonde perfettamente con il paesaggio montuoso. I prossimi progetti edilizi sono già programmati e contiamo di mostrarvi qualche progresso nei prossimi mesi.

Share :

Twitter
Telegram
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Rimani Aggiornato

Ti piace il nostro progetto?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il diario del mese sulla tua email

Non facciamo spam, non piace neanche a noi.

Rimani Aggiornato

Ti piace il nostro progetto?

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi il diario del mese sulla tua email

Non facciamo spam, non piace neanche a noi.